Città Vicine, Articoli,LA BEATA MARIA CELESTE CROSTAROSA

pubblicato da Donatella Massara il 3 luglio, 2016

ARTICOLO DI FRANCA FORTUNATO PUBBLICATO SUL QUOTIDIANO DEL SUD IL 29.06.2015

di Franca Fortunato

LA BEATA MARIA CELESTE CROSTAROSA

SABATO,18 giugno scorso, nel mentre l’attenzione dei mass media era concentrata sui ballottaggi alle elezioni amministrative, a Foggia nel santuario della Madonna dell’Incoronazione veniva beatifica una grande mistica meridionale del ‘700. Il suo nome è Maria Celeste Crostarosa, madre fondatrice dell’Ordine delle Redentine, oscurata dal potere ecclesiastico per tre secoli. Una religiosa poco conosciuta dai più ma che si inserisce nella tradizione della mistica femminile, che ci ha insegnato che a una donna in questo mondo può capitare di tutto, anche Dio. Continua a leggere »

Politica delle donne: Sul libro di Anne Leclerc “Della Paedophilia e altri sentimenti”, ripartendo da Djuna Barnes per arrivare a Camille Claudel.

pubblicato da Donatella Massara il 20 novembre, 2015

Sabato 31, 10 partecipando all’incontro di presentazione del libro Anne Leclerc, “Della Paedophilia e altri sentimenti”, Malcor D’, 2015 al Circolo della Rosa, pensai che avrei potuto parlare di Djuna Barnes.

Continua a leggere »

LIBRI, Recensioni. Paula Hawkins, “La ragazza del treno”, Piemme, 2015

pubblicato da Donatella Massara il 12 ottobre, 2015

Ho letto Paula Hawkins, “La ragazza del treno”, Piemme, 2015. Ho usato la versione ebook. Questo libro ha avuto un successo notevole. Pubblicato in 41 paesi, è risultato l’esordio letterario che ha venduto di più nei primi quindici giorni dall’uscita, nel suo paese, l’Inghilterra, e negli Stati Uniti ha registrato 2 milioni di copie in soli 5 mesi. In Italia era al primo posto della classifica di La lettura del Corriere della sera, a metà agosto. Nelle librerie Feltrinelli c’è una pila di volumi dedicata solo a lei e che va sempre più scendendo. E’ un giallo, e da subito capiamo che si ha a che fare con “uomini che odiano le donne”, femminicidio, tipico, contestuale alla relazione d’amore, per così dire. In prima persona le protagoniste, solo donne, parlano attraverso pagine di diari. Sono donne forti. Indubbio anche se qualcuna ha detto che è un libro misogino. Non è vero. Più che questo, io dico che mi sconcerta la faciloneria con cui vengono raccontati gli uomini. Se di femminicidio bisogna parlare gli assassini chi sono? molto esattamente bisognerebbe dirlo, il tema non è più gestibile con approssimazione.

Continua a leggere »

Città Vicine, Articoli, Il film documentario “Il giorno della tragedia” Lampedusa 3,10,2013

pubblicato da Donatella Massara il 10 ottobre, 2015

ARTICOLO DI FRANCA FORTUNATO PUBBLICATO SUL QUOTIDIANO DEL SUD IL 03.10.2015
IL FILM DOCUMENTARIO “ IL GIORNO DELLA TRAGEDIA –                         LAMPEDUSA 3 OTTOBRE  2013”

Il 3 ottobre in contemporanea sarà proiettato in molte città italiane il film inchiesta “Il giorno della tragedia – Lampedusa 3 ottobre 2013”, realizzato dall’Associazione lampedusana Askavusa, per la regia di Antonino Maggiore con musiche di Achiref Charguel e Giacomo Sferlazzo, produzione Libera Espressione.

Continua a leggere »

Carolina e le donne. Parte migliore della politica – Città Vicine, Articoli

pubblicato da Donatella Massara il 1 ottobre, 2015

ARTICOLO DI FRANCA FORTUNATO PUBBLICATO SUL QUOTIDIANO DEL SUD IL 24.09.2015

CAROLINA E LE DONNE PARTE MIGLIORE DELLA POLITICA
<ASSOLTA per non aver commesso il fatto e perché il fatto non sussiste>, sono queste le motivazioni con cui i giudici del tribunale di Crotone hanno assolto Carolina Girasole, ex sindaca di Isola Capo Rizzuto, dalle accuse di essere stata eletta  con i voti della famiglia mafiosa degli Arena e di averli favoriti nella raccolta di un campo di finocchi su un terreno a loro confiscato. Continua a leggere »

La speranza che viene da chi fugge da guerre e fame – Città Vicine, Articoli

pubblicato da Donatella Massara il 6 settembre, 2015

ARTICOLO DI FRANCA FORTUNATO PUBBLICATO IL 07.09.2015 SUL QUOTIDIANO DEL SUD

LA SPERANZA CHE  VIENE DA CHI FUGGE DA GUERRE E FAME AD OCCUPARE la scena europea e mondiale in questi ultimi giorni sono i tanti volti e corpi di migliaia di donne, uomini, bambine e bambini che, sfidando ogni pericolo, anche quello estremo della morte, continuano ad arrivare in Europa.

Continua a leggere »

Amalia Margherita Cirio “Gli epigrammi di Giulia Balbilla. Ricordi di una dama di corte e altri testi al femminile sul Colosso di Memnone”, Pensa Multimedia, 2011 – Libri, Recensioni

pubblicato da Donatella Massara il 31 agosto, 2015

Continua a leggere »

LIBRI, Recensioni. Patricia Highsmith “I due volti di gennaio”, Bompiani, 2000

pubblicato da Donatella Massara il 20 agosto, 2015

“I due volti di gennaio”, Bompiani e’ un romanzo di Patricia pubblicato nel 1964 con il titolo “The two faces of January”. È’ stato tradotto in italiano nel 2000. Dal 2014 c’è la versione eBook. E’ stato tratto un film con lo stesso titolo protagonisti un’attrice e due attori che, dopo avere letto il romanzo, risultano visualmente perfetti. Il film non l’ho visto. Il libro mi è molto piaciuto. È’ stato definito un giallo psicologico. È’ vero anche se per me è psicoanalitico.

Continua a leggere »

LIBRI, Recensioni. Patricia Highsmith “Ripley sott’acqua”, Bompiani

pubblicato da Donatella Massara il 20 agosto, 2015

Patricia Highsmith,”Ripley sott’acqua”, Bompiani, 1992 e book 2012 è il quinto volume dedicato a Ripley e l’ultimo romanzo scritto dalla Highsmith. Esce nel 1991 e lei morirà nel 1995. L’impressione che lasciano addosso i suoi romanzi non è certo la felicità, di primo impatto. Ma è talmente brava che fa felici!!!  Continua a leggere »

LiBRI, Recensioni. Patricia Highsmith “Carol”, Bompiani

pubblicato da Donatella Massara il 14 luglio, 2015

Patricia Highsmith (Fort Worth, 19 gennaio 1921 – Aurigeno, 4 febbraio 1995) Il secondo romanzo della Highsmith è “Carol” uscito con uno pseudonimo nel 1952, lo scrisse quasi di getto. Così spiega nella postfazione. Lo scrisse per un’urgenza di raccontare una storia omosessuale. Sarà il suo unico romanzo del genere perché -dice- non aveva alcuna intenzione di essere identificata come autrice lesbica. Dopo l’uscita di “Carol” ricevette lettere di donne e uomini che si congratulavano con lei per avere scritto una storia con un finale felice dove le lesbiche e gli omosessuali non finivano tristemente puniti dal loro destino. Continua a leggere »